herpes

Lapacho, un miracolo della natura!

Scopriamo le favolose proprietà di questo albero sacro degli Incas!

Il Lapacho

Gli indigeni sudamericani  e gli Incas lo usavano da migliaia di anni, considerandolo una vera e propria panacea per trattare una grande varietà di patologie, che andavano dalla dissenterie, alla febbre, ai morsi di serpente e anche per curare certi tipi di tumore.

E quindi possiamo dire che già conoscevano bene la fitoterapia e la forza e l’efficacia dei rimedi naturali…

Curiosità…

Il Tabebuia Lapacho (Tabebuia avellanedae Lorenz,  pianta della famiglia delle Bignoniaceae) è un albero che cresce principalmente nelle  foreste amazzoniche e nelle montagne del Paraguay, ma si trova anche in Brasile, Argentina, Bolivia e Perù.

Gli indigeni, già da tempi remoti ne raccolgono  la parte interna della corteccia, che ha la particolarità di riformarsi e ricrescere molto velocemente, senza che alcun danno venga arrecato alla pianta stessa.

Gli Incas la consideravano addirittura una pianta sacra.

Ne estraevano il principio attivo mettendo la corteccia ridotta in strisce sottili in acqua calda, e somministrandone poi il decotto.

Una delle straordinarie caratteristiche del Lapacho è che contiene anche una speciale combinazione di sali minerali o elementi in tracce abbastanza rari quali:

  • magnesio
  • calcio
  • cromo
  • fosforo
  • zinco
  • ferro
  • silicio
  • manganese
  • potassio
  • molibdeno
  • boro
  • rame
  • sodio
  • cobalto
  • oro
  • argento
  • stronzio
  • bario
  • nichel

E devi sapere che recenti studi  hanno infatti confermato che il lapacho ha attività

  • Antiparassitaria
  • Antinfiammatoria
  • Antibiotica
  • Antibatterico
  • Fungicida
  • Virucida
  • Espettorante
  • Febbrifuga

Ma non basta…tra l’altro è anche un

  • immunostimolante
  • cardiotonico
  • depurativo dell’organismo
  • lieve sedativo
  • leggero diuretico
  • stimola la produzione di globuli rossi
  • lieve ipoglicemizzante
  • antidiarroico
  • lieve analgesico

E visto quanto sopra, è stato dimostrato che  risulta  efficace per curare

  • le infezioni virali come il raffreddore, l’influenza e l’herpes, ma anche quelle più serie come l‘HIV o l’Epstein-Barr
  • le infezioni batteriche provocate  da streptococchi e stafilococchi
  • le infezioni della gola, del naso e della bocca
  • le infezioni dovute a parassiti come la malaria
  • le  infiammazioni classiche  delle mucose, la dissenteria, ma anche coliti, polipi, ulcere peptiche e addirittura il  morbo di Crohn
  • uretriti, cistiti, vaginiti, prostatiti, polipi vescicali, leucorrea e anche  certe infiammazioni della cervice uterina
  • gastrite, ulcera gastrica
  • ferite e ulcere
  • anemia
  • affezioni cutanee, eczema, acne, foruncolosi, psoriasi
  • artrite
  • arteriosclerosi
  • debolezza cardiaca
  • asma e bronchite
  • ipertensione

E adesso ti chiederai…

Cosa rende così straordinariamente efficace questa pianta?

Oltre a tutti i minerali ed elementi che vi ho elencato sopra, il  LAPACHO (Tabebuia Avellanedae) vanta la presenza di

  • Antrachinoni, denominati anche  fattori “A”
  • Naftochinoni, denominati anche fattori  “N”

di cui, all’interno della corteccia ve ne sono 18 tipi, tra cui il Lapacholo

e poi ancora

  • vitamina K
  • coenzima Q10
  • flavonoidi
  • tannini
  • alcaloidi
  • saponine

In particolare gli Antrachinoni e i Naftochinoni hanno dimostrato di avere spiccate proprietà antivirali, funghicide, battericide, antiossidanti, immunostimolanti e antitumorali.

Lapacho Tea

Devi sapere che proprio il Lapacholo in particolare è ancora oggi oggetto di studio per le sue proprietà anticancro.

Infatti interferisce con il metabolismo dell’ossigeno delle cellule cancerose, impedendone così la respirazione, uccidendole e bloccandone  la proliferazione.

In definitiva credo che possiamo dire il Lapacho è una delle migliori piante   per la purificazione dell`organismo, per ottimizzare e rinforzare l’importante funzionamento sia del sistema linfatico che del sistema immunitario.

Posologia

Lo puoi trovare nelle migliori erboristerie (anche online) sotto forma di

Tintura madre (20 gocce in acqua per 3 volte al giorno prima dei pasti)

Corteccia sminuzzata (Tabebuia impetiginosa – decotto di 20 grammi di interno di corteccia in mezzo litro d’acqua per 10 minuti, da bere almeno 2 volte  al giorno)

Compresse da  500 mg (devi prenderne 6 al giorno)

E devi assumerlo per almeno 60 giorni, questo per rinforzare il sistema immunitario e purificare l’organismo.

Per le altre patologie è meglio consultare il medico.

Non ha controindicazioni, ma fai attenzione se sei in stato interessante, potrebbe aumentare la sensazione di nausea.

Spero anche questa volta di averti fornito interessanti notizie per la tua salute e il tuo benessere.

A presto

Ermes

 

Articoli recenti